Sitemap

Navigazione veloce

Una suite di sicurezza si prende cura di tutte le esigenze di sicurezza Internet del tuo PC in un unico pacchetto integrato.Può anche brillare di funzionalità bonus insolite, ma la cosa più importante è che i componenti principali come firewall e antivirus eccellono nel loro lavoro.E qui sta il problema con Quick Heal Internet Security 17.Il suo antivirus è buono, ma non eccezionale, e il suo firewall ha fallito alcuni test che anche Windows Firewall ha superato facilmente.Funzionalità interessanti come la protezione dal ransomware e un desktop rinforzato per operazioni bancarie sicure non possono compensare i punti deboli fondamentali.

A $ 72 all'anno per tre licenze, Quick Heal è meno costoso di alcuni dei suoi concorrenti e più costoso di altri.Un abbonamento a tre licenze per una suite simile di Bitdefender o Kaspersky costa $ 79,95.Norton ti offre cinque licenze a quel prezzo e McAfee ti consente di installare la protezione su un numero illimitato di dispositivi Windows, Android, macOS o iOS.Trend Micro, TrustPort e Webroot costano ciascuno poco meno di $ 60 per tre licenze.

La finestra principale della suite è strutturata esattamente come quella di Quick Heal AntiVirus Pro 17, ma è colorata di blu: l'antivirus è rosso.Entrambi includono pannelli che collegano a varie aree di sicurezza: file e cartelle, e-mail, Internet e rete e unità e dispositivi esterni.La suite aggiunge un quinto pannello, Parental Control.E un pannello attraverso i collegamenti in basso alle notizie sulla sicurezza dell'azienda.

Condiviso con antivirus
Questa suite include tutto da Quick Heal AntiVirus Pro 17, con miglioramenti in alcune aree.Riassumerò qui la mia valutazione dell'antivirus.Se desideri maggiori dettagli, leggi la recensione completa dell'antivirus.

Grafico dei risultati dei test di laboratorio
Grafico dei risultati del blocco del malware

Quick Heal è certificato da ICSA Labs per il rilevamento di malware.Nell'ultimo rapporto dell'AV-Test Institute(Apre in una nuova finestra), ha guadagnato 5,5 dei 6 punti possibili in ciascuna delle tre prove, per un totale di 16,5 punti.Bitdefender, Kaspersky e Trend Micro Internet Security (39,95 3 PC / 1 anno in Trend Micro Small Business)(Si apre in una nuova finestra)ha ottenuto un punteggio perfetto di 18 punti in questo test.Su quattro test di AV-Comparatives, Quick Heal ha ottenuto il punteggio massimo Advanced+ in due, il voto Standard minimo in uno e il punteggio Advanced intermedio nell'altro.

Oltre alle funzionalità di scansione previste, Quick Heal offre una scansione all'avvio, un disco di emergenza avviabile e una scansione antimalware separata incentrata su elementi come spyware e falsi antivirus.Una scansione completa è terminata più rapidamente della media corrente.

Quando ho eseguito Quick Heal attraverso il mio test pratico di blocco del malware, ha rilevato un ottimo 94% dei campioni.Tuttavia, il blocco incompleto dell'installazione ha fatto sì che diversi eseguibili malware raggiungessero il sistema di test.Ciò ha trascinato il suo punteggio complessivo fino a 8,5 su 10 punti possibili.Nel mio test separato di blocco degli URL dannosi, Quick Heal ha gestito una protezione del 92%, meglio della maggior parte.Norton ha bloccato il 98 percento qui eAvira Antivirus ($ 0,00 su Avira)(Si apre in una nuova finestra)bloccato al 95 percento.

Laddove la maggior parte dei fornitori riserva la protezione firewall per la propria suite di sicurezza, Quick Heal la include nell'antivirus di base, insieme a un sistema di prevenzione delle intrusioni.Quasi tutti i firewall superano i miei test di scansione delle porte e altri controlli basati sul Web; Quick Heal no.Non ho visto alcuna reazione da parte del sistema di prevenzione delle intrusioni quando ho colpito la macchina di prova con exploit, sebbene il componente antivirus abbia abbattuto il payload dannoso per quasi la metà di essi.Il lato positivo è che non sono riuscito a trovare alcun modo in cui un programmatore di malware potesse interrompere la protezione del firewall.

Quick Heal offre alcune altre funzionalità più piccole.Una sandbox del browser mira a sventare i download drive-by e altre minacce incentrate sul browser.Un componente anti-keylogger si è rivelato inefficace durante i test.Altri bonus includono un pulitore per la privacy, protezione USB e strumenti diagnostici.

Antiphishing ufficiale
Il componente di protezione Web nell'antivirus standalone ha ottenuto risultati migliori della metà della concorrenza nel mio test antiphishing.Tuttavia, secondo il mio contatto presso l'azienda, l'antivirus tecnicamente non offre protezione dal phishing.Questa funzione è riservata alla suite completa.

Grafico dei risultati dell'antiphishing

Come sempre, ho testato Quick Heal utilizzando URL che erano stati segnalati come fraudolenti, ma che erano troppo nuovi per essere analizzati e inseriti nella lista nera.All'inizio, ho pensato che forse il componente antiphishing non fosse attivato, perché ho visto gli stessi avvisi di Protezione browser che avevo visto con l'antivirus.Ci è voluto del tempo prima che incontrassi una pagina che attivasse invece la protezione dal phishing.Infatti, di tutti gli URL fraudolenti bloccati da Quick Heal, solo un quarto è stato bloccato da Phishing Protection.

Quando ho calcolato i risultati, ho avuto una sorpresa.Nonostante siano stati testati a distanza di quasi due settimane, con URL di phishing completamente diversi, l'antivirus e la suite hanno ottenuto lo stesso punteggio, almeno in relazione aSymantec Norton Security Deluxe. Il tasso di rilevamento per entrambi era di 32 punti percentuali inferiore a quello di Norton.

Le differenze tra Quick Heal e la protezione integrata in Chrome, Firefox e Internet Explorer variavano tra i due test, ma la differenza rispetto a Norton è ciò su cui mi concentro.Pochi prodotti si avvicinano all'accuratezza dell'antiphishing di Norton e solo pochissimi riescono a battere Norton.Bitdefender,Kaspersky Internet Security(39,99 3 dispositivi / 1 anno in Kaspersky)(Si apre in una nuova finestra)e Webroot sono gli unici prodotti recenti che hanno battuto Norton in questo test.

Anti-ransomware
Il ransomware è un problema enorme e in crescita.I programmatori di malware ottengono un grande ritorno sull'investimento dal ransomware, perché alcune vittime li ripagano con denaro contante freddo.Quick Heal include uno-due punch per la protezione dal ransomware, ma funziona così silenziosamente che non mi sono nemmeno accorto che fosse incluso nell'antivirus.

Quick Heal esegue periodicamente il backup di file e documenti essenziali, lavorando in background senza disturbare l'utente.Include anche uno speciale componente di rilevamento che controlla le attività che suggeriscono un attacco ransomware, che ha superato l'antivirus.Non riuscivo a vedere questa funzione in azione, perché l'antivirus ha violato tutti i miei campioni di ransomware e la disattivazione dell'antivirus in tempo reale ha anche disattivato il rilevamento del ransomware.

Non c'è alcun segno del backup silenzioso, ad eccezione di una cartella con un nome strano nella directory principale dell'unità con la maggior parte dello spazio disponibile.Al momento, non esiste un modo diretto per l'utente di recuperare questi file: il ripristino del ransomware richiede il contatto con il supporto tecnico.Una modalità più interattiva è prevista per le versioni future.

Guarda come testiamo il software di sicurezza

Filtro antispam semplice
Il componente antispam in alcune suite è solo irto di impostazioni di configurazione.Check Point ZoneAlarm Extreme Security 2017 (a partire da $ 59,95 all'anno su ZoneAlarm)(Si apre in una nuova finestra)ti consente di modificare la sensibilità per varie categorie di spam.McAfee offre cinque livelli di sensibilità al filtro antispam.Con Trend Micro puoi bloccare i messaggi scritti in lingue che non conosci e rimuovere automaticamente lo spam dai tuoi account webmail.

Quick Heal semplifica le cose.Il suo filtro antispam gestisce solo e-mail POP3, non IMAP, Exchange o e-mail basate sul Web.Il filtro antispam è ufficialmente compatibile con Microsoft Outlook Express 5.5 e successivi, Microsoft Outlook 2000 e successivi, Netscape Messenger 4 e successivi, Eudora, Mozilla Thunderbird, IncrediMail e Windows Mail.Tuttavia, poiché contrassegna i messaggi di spam nella riga dell'oggetto, mi sembra che potresti usarlo con qualsiasi client di posta elettronica.

Un semplice plug-in per Outlook ed Eudora ti aiuta a inserire nella whitelist i buoni contatti noti e gli spammer nella blacklist.Puoi anche gestire la whitelist e la blacklist dall'interno del programma.Infine, puoi accettare il livello di filtraggio Moderato oppure puoi scegliere il filtraggio Soft o Strict.La società consiglia consiglia il livello Moderato.E questa è la portata del filtro antispam in Quick Heal.La maggior parte degli utenti ignora completamente la configurazione antispam dettagliata, quindi questa semplicità è una buona cosa.

Controllo parentale di base
Il controllo genitori in questa suite copre le basi, ma non molto di più.È possibile configurare le impostazioni per tutti gli utenti o configurarle separatamente per ciascun account utente di Windows.

Il filtro dei contenuti di Quick Heal consente o blocca i contenuti in 42 categorie; un elenco alquanto imbarazzante ti consente di vedere solo cinque categorie alla volta.Puoi scegliere tra una delle cinque fasce d'età per selezionare automaticamente le categorie appropriate.Inoltre, puoi elencare siti Web specifici che dovrebbero essere sempre bloccati o sempre consentiti.

I genitori possono impostare un programma settimanale di orari in cui il bambino è autorizzato online, con incrementi di un'ora.La griglia settimanale è decisamente più comoda del goffo controllo giornaliero che si trova inMcAfee Internet Security(39,99 per il primo anno in McAfee)(Si apre in una nuova finestra). Una griglia simile ti consente di pianificare l'accesso generale al PC per ogni bambino.È possibile impostare facoltativamente un limite di tempo giornaliero, con incrementi di un'ora, anziché una pianificazione specifica.Ma non puoi impostare sia una pianificazione che un limite di tempo come puoi con Kaspersky, BullGuard e pochi altri.

Quick Heal può opzionalmente bloccare l'accesso ai programmi corrispondenti a 10 categorie predefinite, tra cui client di posta elettronica, applicazioni di condivisione file e lettori multimediali.È inoltre possibile selezionare un programma specifico specifico per il blocco.

Ho stabilito delle restrizioni per un bambino immaginario e ho messo alla prova questo sistema.La funzione di controllo del tempo consente al bambino di sapere quando il tempo sta per scadere, con un avviso per salvare tutto il lavoro e uscire.Modificare la data e l'ora del sistema non ha ingannato lo scheduler.Non potevo aggirare il controllo del programma copiando o rinominando un file vietato; tutto quello che ho ottenuto è stato "Accesso negato".E il comando di rete di tre parole che neutralizza alcuni sistemi di controllo parentale meno intelligenti non ha avuto effetto.

Ho verificato che il filtro dei contenuti è indipendente dal browser provando a visitare siti cattivi utilizzando il mio browser scritto a mano.La pagina che sostituisce un sito bloccato riporta la categoria che ha attivato il blocco.Non esiste un sistema automatizzato per chiedere ai genitori un'eccezione come si ottiene con Norton.Consiglia solo al bambino di contattare i genitori per il permesso.

Non ho trovato siti Web inappropriati che hanno superato il filtro.Tuttavia, Quick Heal è iperattivo quando si tratta di filtrare i contenuti.Oltre a controllare ogni pagina visitata dal browser, controlla i contenuti di terze parti, annunci e simili e visualizza un avviso che dice "L'accesso al sito Web è bloccato" anche quando ha bloccato alcuni contenuti di terze parti.La visita di PCMag.com ha innescato un diluvio di avvisi su categorie tra cui Viaggi, Download e condivisione, Annunci e pop-up e Social network.

Ho anche provato a navigare su siti innocui, con risultati inaspettati.Puppies.com è stato bloccato per la categoria Crime and Violence e Dogs.com per Fashion and Beauty.Sembra che il filtro dei contenuti possa essere un po' troppo entusiasta.

Per quanto riguarda i rapporti sui genitori, ottieni sia troppo poco che troppo quando fai clic su Rapporti e selezioni Controllo genitori dall'elenco.Per ogni singolo URL bloccato dal controllo genitori, è presente una riga con la data, l'ora e il nome dell'account utente, ma non l'URL stesso.Potresti visualizzare 10 o più righe di seguito con lo stesso timestamp, a indicare che Quick Heal ha bloccato molti collegamenti di terze parti diversi su una singola pagina.

Il rapporto elenca anche eventi come i tentativi di avviare un'applicazione esclusa oi tentativi di accesso durante un periodo in cui l'uso del computer non è consentito.Ciò che non include sono gli URL effettivi bloccati dal filtro dei contenuti.Se vuoi vederli, fai prima doppio clic su un elemento, visualizzando così un rapporto dolorosamente dettagliato su quell'elemento specifico.Ora puoi scorrere noiosamente l'intero elenco un elemento alla volta.

I controlli del tempo di Quick Heal funzionano e i bambini non possono ingannare il controllo delle applicazioni.Ho trovato il suo filtro dei contenuti troppo zelante, bloccando i siti validi.E il rapporto che genera è così imbarazzante da essere quasi inutile.Se hai effettivamente bisogno di un componente di controllo parentale nella tua suite, considera Norton,Bitdefender Internet Security 2017 (40,00 3 dispositivi / 1 anno – 50% di sconto su Bitdefender)(Si apre in una nuova finestra)o Kaspersky

Banking sicuro e browser sicuro
Simile alla funzione SafePay di Bitdefender, Safe Banking è un desktop separato e rinforzato destinato a prevenire qualsiasi interferenza o spionaggio sulle tue transazioni finanziarie.Come con SafePay, puoi passare avanti e indietro al desktop normale.SafePay si attiva automaticamente quando Bitdefender rileva che stai visitando un sito finanziario; è necessario avviare Safe Banking manualmente.

Ci sono altre differenze.Con Bitdefender, il desktop rinforzato viene fornito con un browser rinforzato basato su Chrome.Safe Banking di Quick Heal include le icone della barra delle applicazioni per avviare Chrome, Firefox e Internet Explorer (supponendo che siano installati), utilizzando la modalità di privacy elevata di ciascun browser.Si affida ai server DNS sicuri di Google per sventare gli attacchi di spoofing DNS.E blocca l'accesso ai siti protetti i cui certificati SSL non sono validi.

Safe Banking è progettato per sventare i keylogger, ma per i veri paranoici include anche una tastiera virtuale.Per testarlo, ho installato un popolare keylogger gratuito ed ho esaminato ciò che ha catturato nel desktop non protetto e in Safe Banking.Ha chiaramente impedito l'acquisizione di sequenze di tasti e immagini dello schermo.Tuttavia, anche se ho disabilitato l'opzione per copiare/incollare tra desktop, il keylogger ha comunque catturato il testo che ho copiato durante l'utilizzo di Safe Banking.

L'opzione Secure Browser non è una funzionalità così elegante.Ti consente semplicemente di ottenere i vantaggi del browser sandbox in una finestra del browser una tantum, anziché forzare tutte le finestre del browser a utilizzare la funzione sandbox.Come per la Sandbox del browser completa, un bordo verde brillante identifica la finestra del browser protetta.

Piccola performance hit
Se la tua suite di sicurezza ostacola notevolmente le prestazioni del sistema, potresti essere tentato di disattivarla, il che sarebbe una cattiva idea.Fortunatamente, la maggior parte delle suite moderne ha solo un effetto minore sulle prestazioni del sistema.Anche così, c'è una buona variazione, quindi eseguo diversi test pratici per misurare il successo delle prestazioni di ciascuna suite.

Il mio script di test del tempo di avvio presuppone che il sistema sia pronto per l'uso una volta trascorsi 10 secondi consecutivi con non più del 5% di utilizzo della CPU.Sottraendo l'inizio del processo di avvio, come riportato da Windows, si ottiene il tempo di avvio.Faccio la media di molti test con un sistema privo di suite per ottenere una linea di base.Quindi installo la suite ed eseguo un altro giro di test.Il tempo di avvio è aumentato del 10 percento con Quick Heal installato, ma è il 10 percento di circa un minuto, quindi non molto.

Grafico dei risultati delle prestazioni

La scansione in accesso richiede necessariamente che l'antivirus tenga d'occhio le operazioni sui file e questo può occasionalmente rallentare le azioni quotidiane come lo spostamento e la copia di file.Per i test, faccio la media di molte esecuzioni di uno script che sposta e copia una tonnellata di file tra le unità, confrontando la media prima e dopo l'installazione della suite.Questo script ha richiesto il 44% in più con Quick Heal attivo.Questo è ben al di sopra dell'attuale media del 25 percento.D'altra parte, non sono riuscito a misurare alcun impatto sul tempo necessario per eseguire uno script che comprime e decomprime la stessa raccolta di file.

Durante i test, non ho notato alcun rallentamento.Anche così, altre suite hanno mostrato un impatto sostanzialmente minore.Webroot SecureAnywhere Internet Security Plus (29,99 Oltre il 50% di sconto esclusivo per PCMag su Webroot)(Si apre in una nuova finestra)e Norton non ha avuto effetti misurabili nel tempo di avvio e nei test zip/unzip.Webroot inoltre non ha rallentato il test di spostamento/copia del file.

Non riesce a eccellere
Quando cerchi una suite di sicurezza, ne vuoi una in cui ogni componente (o almeno i componenti che prevedi di utilizzare) eccelle nel suo lavoro.Quick Heal Internet Security 17 non è quella suite.Sebbene abbia alcune caratteristiche bonus insolite, il suo antivirus è semplicemente buono, il suo firewall ha fallito alcuni test di base e il suo sistema di controllo parentale fa solo il minimo.

Kaspersky Internet Security è costantemente al primo posto con i laboratori di test antivirus e include un firewall intelligente e un controllo genitori insolitamente completo.Bitdefender Internet Security è anche un tesoro dei laboratori, con componenti di base efficaci, e va oltre le basi con un sacco di utili funzioni di sicurezza bonus.Questi due sono i nostri prodotti Editors' Choice per la suite di sicurezza entry-level: entrambe sarebbero una buona scelta.

Sottovalutazioni:
Nota: queste sottoclassificazioni contribuiscono alla valutazione a stelle complessiva di un prodotto, così come altri fattori, tra cui la facilità d'uso nei test nel mondo reale, le funzionalità bonus e l'integrazione generale delle funzionalità.
Firewall:
Antivirus:
Prestazione:
Privacy:
Controllo dei genitori: